28

Feb 2018

28 Feb 2018

Interpretazione estensiva da parte della Corte di Cassazione dei “nuovi elementi” che possono giustificare l’emissione di un accertamento integrativo – Nota a sentenza Corte Cass. 13.9.2017, n. 21237 e ordinanza Corte Cass. 8.11.2017, n. 26500

Bollettino Tributario n. 4/2018

Scritto da Avv. Federico Leone

ABSTRACT “La sentenza n. 21237 del 2017 qui in commento si pone in discontinuità con l’orientamento maggioritario della Corte di Cassazione in materia di “accertamenti in- tegrativi”. Infatti la Suprema Corte, cassando la sentenza di secondo grado e rinviando la causa alla Commissione tributaria regionale, afferma che i “nuovi elementi”, che giustificano l’emissione di un accertamento integrativo ai sensi dell’art. 43 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, possono essere costituiti anche da elementi extracon- tabili tali da indurre una rivalutazione dei documenti contabili già in possesso dell’Amministrazione finanzia- ria, rilevato che la lettera normativa risulta quanto mai ampia rispetto alla fonte di tali elementi.